Amiche per (Cau)caso – Avventura 6

Aroush: Kupo, come mai ci chiamiamo “Amiche per (Cau)caso” se non cé il Caucaso?

Darillys: Perché l’aroma sa di Amarillys, kupo!

Elek’tra: Rawr!

Aroush: Doni, doni, doni astruc!

Darillys: Forse serve un barbatruc!

Bleir: Ey Pimpa, hai sentito cosa ha fatto nostra figlia Dovanice ieri sera?

Pimpa: No, Bleir! Che cosa ha fatto?

Bleir: Se né é andata alle Polpette di Polpot a notte fonda, e ha preparato 55 porzioni di Purikuya!

Bleir: TVB!

Pimpa: Aww! Anch’io ti voglio bene!

Bleir: Magram ra dici! TVB sta per Tu Vuoi Boyd!

Pimpa: No, io voglio un Purikuya col contorno di Polpot!

scena 1

Amanda Leidi sta riposando sul letto in pigiama, col suo gatto, Spickles, sopra la sua pancia.

spickles

Meow!

mamma di amanda (offscreen)

Amanda! E’ pronto!

Amanda si sveglia.

amanda

Mamma! Arrivo subito!

scena 2

Amanda sta facendo colazione insieme ai suoi genitori, suo fratello Carlo, e sua sorella Emilia.

carlo

Pigrona che sei!

emilia

Lo sai com’é nostra sorella!

papà di amanda

Amanda, non cambiare mai.

MAMMA DI AMANDA

Hai qualcosa da dirci?

amanda

Beh, nulla. Una giornata come altre.

spickles

Meow!

Ad un certo punto la TV si accende da sola.

reporter (in tv)

Buona mattina, signori e signore! Oggi, proprio a largo di Palermo, é spuntata una nuova isola dal nulla!

amanda

Una nuova isola?

carlo

Tipo, un vulcano o qualcosa del genere…

scena 3

Amanda Leidi sta passeggiando per la strada insieme alle sue due carissime amiche, Simona Verri e Giuditta Ermolpi.

giuditta

Ah, é per questa cosa dell’isola?

simona

Si, appare così dal nulla… L’abbiamo visto tutti in TV!

amanda

Voglio vederla!

scena 4

Amanda, Giuditta, e Simona stanno parlando col capitano di una barca.

capitano

Ah, quindi, ragazze, voi volete andare sull’isola?

giuditta

Si! Sarebbe una cosa completamente nuova!

capitano

1 euro a testa, prego.

Simona paga il capitano.

scena 5

Amanda, Giuditta, Simona, e il capitano sono sulla barca.

capitano

Oh issa!

amanda

Sembra essere un’isola molto bella!

giuditta

Vero!

Ad un certo punto arriva un kraken che affonda la barca.

scena 6

Amanda, Giuditta, e Simona sono in acqua aperta.

simona

Splutt!

giuditta

Almeno siamo vive!

amanda

Però la barca e il capitano sono andati kaput!

simona

Pazienza, troveremo altre cose!

Amanda, Giuditta, e Simona navigano verso l’isola.

scena 7

Amanda, Giuditta, e Simona, atterrano sull’isola.

amanda

Oh, me.

giuditta

Non ti preoccupare!

simona

Siamo sane e salve!

amanda

Perlustriamo l’isola!

GIUDITTA

Guarda, ma quello non é un castello?!?

simona

Si! Tipo quelli dei Kahuna delle isole del Pacifico!

Amanda, Giuditta, e Simona camminano verso il villaggio.

scena 8

Leilani, la Kahuna di Kapa, sta aspettando le tre ragazze arrivare!

leilani

Oh, c’é qualcuno nuovo!

Le tre ragazze si avvicinano a Leilani.

amanda

Io sono Amanda Leidi.

giuditta

Io sono Giuditta Ermolpi.

simona

E io sono Simona Verri.

leilani

Io sono Leilani, la Kahuna di Kapa. E lo sono stata fin da millenni, quando l’isola di Kapa é stata creata per la prima volta, insieme a me. Quest’isola si teletrasporta nei posti e momenti più opportuni.

amanda

Oh! Quindi é un’isola senza tempo!

leilani

No, il tempo esiste a Kapa, ma quest’isola viaggia nel tempo. E oggi ha viaggiato fino ai giorni vostri per incontrarvi.

giuditta

Quindi noi siamo le protagoniste! Hurrah!

simona

Si ma forse in questo mondo non tutto é così come sembra…

leilani

No, c’é un motivo per cui siete venute quà… E presto lo scoprirete.

amanda

Ok, quindi rimarremo.

giuditta

Peccato che non possiamo chiamare i nostri genitori.

scena 9

Amanda, Giuditta, e Simona stanno dormendo in una stanza del castello di Leilani. Ad un certo punto, la stanza flasha di rosso!

leilani (offscreen)

Allarme rosso! Allarme rosso!

Amanda si alza.

amanda

Ragazze! Dobbiamo andare!

Giuditta e Simona si alzano.

giuditta

Vero! Ho un certo languorino…

Simona

Anch’io!

scena 10

Amanda, Giuditta, Simona, e Leilani sono nella sala del trono di Leilani.

LEILANI

Allora, é successa una cosa molto grave! Le sette pietre dimensionali sono andate via!

amanda

Oh no!

giuditta

Cosa succederà!?!

simona

Penso che tutti gli universi si convergeranno in un unico universo!

LEILANI

Infatti. Io sono una delle guardiane tra gli universi. Dovete sapere che infatti ogni universo é una pagina di un libro, uno di tanti libri in una biblioteca sospesa nel vuoto.

amanda

Ah.

LEILANI

E la forma della Kahuna Leilani é solo una delle mie tante forme.

giuditta

Quindi in realtà non c’é stata una Kahuna Leilani!

simona

E nemmeno un’isola di Kapa!

LEILANI

Si, é solo uno dei miei poteri. Nemmeno quel kraken era reale. La nave e il capitano sono sani e salvi. Le vostre famiglie pensano che voi siete già tornate.

amanda

Hai creato dei cloni di me stessa e delle mie amiche!?!

LEILANI

Tecnicamente si, ma spariranno quando ce ne sarà bisogno.

giuditta

Perché non vai tu a pescare le pietre dimensionali?

LEILANI

Ci andrei, però dovrei lasciarvi sole.

simona

Puoi portarci con noi!

LEILANI

Si ma non più sotto questa forma.

scena 11

Amanda, Giuditta, Simona, e Leilani sono nella libreria tra universi. Leilani é nella forma di Mochi, un animaletto mascotte magico come negli anime di ragazze magiche.

mochi

Siamo arrivati! Ma in questa forma non chiamatemi più Leilani, chiamatemi Mochi.

amanda

Ok, quindi questo é il mondo fra universi!

giuditta

Una grande biblioteca!

simona

Però non poi così grande, huh!

mochi

Ognuna pagina di ogni libro in questa biblioteca é un universo a se stante… dobbiamo trovare quella dove ci sono le pietre!

amanda

Oh, forse sono quelle là?

E infatti, le sette pietre dimensionali sono vicino al muro della biblioteca fra universi. Ad un certo punto, appare un mostro ombra.

mostro ombra

Raagh!

amanda

Beccati questo!

Amanda tira una pietra dimensionale al mostro ombra. Il mostro ombra schiva la pietra e attacca una libreria, sparpagliando via libri e pagine. Giuditta rimette le sette pietre dimensionali al loro posto in uno scaffale e lo chiude, Simona lancia un libro al mostro ombra, il mostro ombra schiva il libro, e il mostro attacca Simona. Mochi riordina i libri con una magia, e va ad attaccare il mostro. Il mostro ombra morde Mochi, e Mochi si trasforma nella sua vera forma, un angelo\dio eldritch di nome Azyrmaxullaphale!

azyrmaxullaphale

Questa é la mia vera forma! Chiamatemi Azyrmaxullaphale!

mostro ombra

Raagh!?!

Azyrmaxullaphale lancia una magia al mostro ombra, che svanisce. Azyrmaxullaphale cambia forma in un uomo nero, alto, e largo, di nome Idris.

idris

Finito! Ora chiamatemi Idris.

amanda

Perché devi cambiare forma ogni volta che fai qualcosa?

idris

Per stile, duh!

giuditta

Se tu puoi cambiare forma, noi possiamo cambiare universi!

simona

Vero! Ognuna di noi si prende uno di questi libri, e poi li portiamo nel nostro universo!

Amanda, Giuditta, e Simona prendono un libro ciascuno, e poi vanno dentro il libro che contiene il loro universo.

scena 12

E’ sera, ed Amanda é seduta nella sua scrivania, col libro degli universi accanto a lei.

amanda

Chissà cosa c’é quì dentro?

Amanda apre il libro degli universi.

amanda

Partiamo dalla prima pagina!

Amanda entra nella prima pagina del libro.

scena 13

Amanda sta volando nello spazio del suo nuovo universo.

amanda

Wow! Quindi Giuditta e Simona stanno vedendo praticamente la stessa cosa che sto vedendo io!

Amanda si avvicina ad una galassia.

amanda

Questa galassia sembra essere promettente.

scena 14

Amanda arriva su un nuovo pianeta, in molti versi simile alla Terra e in altri no.

amanda

Wow! Quindi mi aspetta una nuova avventura!

Amanda si incammina sul sentiero.

scena 1

Aroush, Darillys, ed Elek’tra sono sedute su una collina.

aroush

Sediamoci ad aspettare l’alba!

darillys

Allora, quando arriva?

aroush

Chi?

darillys

La figlia degli Amarillys e della Nuova Samarcanda con la Panna, Alba!

elek’tra

Rawr!

scena 1

Aroush, Darillys, ed Elek’tra sono a casa di Aroush.

aroush

Ey, ragazze! C’é una competizione di fiori!

darillys

Vero! Dovrei andarci insieme a Fumba e portare gli Amarillys!

elek’tra

Rawr!

scena 2

Siamo nella piazza principale di Xyronia, dove si sta facendo una competizione di fiori. Darillys e Fumba stanno competendo con gli Amarillys. Rallen e Atkara stanno competendo con dei fiori di zucca cucinati da Atkara. E infine, due alieni, Xnzt e Tznx, stanno competendo con alcuni fiori del loro pianeta.

porona

Alolissimo Pomel, signori e signore! Benvenuti alla 4923sima annuale competizione di fiori Xyroniana! Io sono la vostra presentatrice e giornalista preferita, Porona! E davanti abbiamo dei bei graziosi contestanti da tutte le parti del mondo… e non solo!

Porona si avvicina a Xnzt e Tznx.

porona

Xnzt e Tznx hanno portato questi fiori dal loro pianeta!

xnzt

Questi fiori, i Pnm, nel nostro pianeta, Drkbz, hanno molti significati e una lunga storia.

tznx

Infatti i più famosi abitanti di Drkbz sono proprio allevatori di Pnm. Si tratta di un fiore molto importante in molte culture del nostro pianeta.

xnzt

Siamo venuti quì anche per rivedere nostro figlio!

porona

Mi state dicendo che Poppun…

tznx

Diakh.

xnzt

E presto ritornerà di nuovo da noi.

Porona si avvicina a Rallen e Atkara.

porona

Rallen e Atkara hanno portato dei fiori di zucca, nuova specialità delle Polpette di Pol Pot!

rallen

Sono molto buone! Gnam gnam!

atkara

Le ho preparate io, é una nuova ricetta!

Porona si avvicina a Darillys e Fumba.

porona

E da Nusarkand, le nostre care Darillys e Fumba hanno portato le Amarillys!

darillys

Sono fiori bellissimi, hanno questo rosa shocking che é come la spilla che portava mia mamma.

fumba

Quasi mai noi sentiamo parlare dei genitori di Darillys ed Elek’tra.

porona

Darillys, Fumba, voi avete vinto una vacanza a Sri L’Anca! Sapete perché si chiama Sri L’Anca?

darillys

Perché ci sono molti ballerini! E tu sai perché si chiamano pantaloni?

porona

Perché partono dalla pancia e finiscono nei talloni!

fumba

Rawr!

La Saga di Samarcanda
Di Gaia Nicolosi
Una NCLS production

Basato su i personaggi de: “Le Amiche per (Cau)caso”

Capitolo 1:
Atkara a Samarcanda!

Alolissimo Pomel di Orel Lucentel! Il mio nome è Atkara Tilnova, e ho 11 anni. Sono nata il 27 Marzo 2002 a Jizzakh, in Uzbekistan. Oggi, per la prima volta, vado a vivere da sola. Più specificamente, machi vado a vivere a Samarcanda, ad investigare fenomeni paranormali. Posso sembrare una ragazzina normale, ma in fondo sono la seconda persona più intelligente del mondo. Kupo!
Salgo sulla macchina che mi porterà a Samarcanda. L’autista è un tipo un po’ timido, ma in fondo è molto simpatico. Si chiama Scherzo Mythral, ed è un intern per la OGA. O’zbek G’ayritabiiy Asosi. Fondazione Soprannaturale Uzbeka.
La macchina che mi sta portando a Samarcanda non è quella di Scherzo, bensì è una macchina di proprietà della OGA.
Machi sento che machi e chishi diventeremo molto amici, dattebayo!
Eventualmente, machi e Scherzo-chicchi scendiamo dalla macchina e arriviamo alla sede federale della OGA.
Adesso è il machi turno ad arrivare nell’ufficio del sovrintendente della OGA. Entro nell’ufficio quatta quatta, e i miei occhi si intrecciano con quelli del sovrintendente.
Il sovrintendente – e fondatore! – dell’OGA è un uomo di mezz’età, tranquillo e solenne, a volte severo, specialmente con i suoi rivali, ma mai con gli altri membri dell’OGA. Il dao nome è Tamil Bustamante-Rustaveli.
Il caro sovrintendente Bustamante-Rustaveli, o semplicemente sovrintendente Buru-Tao, accoglie machi a braccia aperte.
Oggi ci sarà la prima missione, e non posso aspettare.
Per la prima missione, Buru-Tao mi ha portato in un piccolo quartiere suburbano molto losco. Ma in fondo, non ho avuto paura, dopotutto sono la seconda persona più intelligente del mondo.
Sento dei suoni strani, e corro avvicinandomi. Vedo alcuni timidi spiritelli. Non sembrano cattivi, però. Prendo il mio aspiratore e li metto kaput.
E infine torno alla sede federale OGA, in Via dei Peccati Capitali Kazakistani numero 15.
Il machi secondo giorno a Samarcanda, non è un giorno di missione. Cioè, lo è, ma sono state prese da altri, probabilmente con skills più adatte. Mi sono ritrovata, per puro caso, in un vicolo stretto, pieno di scatoli, vicino ad una fabbrica abbandonata sovietica.
Con la coda dell’occhio, machi ho visto un twinkle verde acqua scarseggiare da uno scatolo!
Ho aperto lo scatolo, e ho visto un peluche a tema della bandiera dell’Uzbekistan. Apparentemente, si chiama Uzbebe Hart, e l’ho portato con machi.

Carina, ve?
La notte tra il machi secondo e terzo giorno a Samarcanda, stavo dormendo solenne e spensierata nei dormitori della OGA, con Uzbebe Hart in braccio. Ho sentito un rumore strano, e così, nel cuore della notte, ancora in pigiama, machi e Uzbebe-spipp siamo scese. I rumori venivano dal back yard del machimachi territorio federale. Per investigare, ho preso una torcia sonica OGA, e ho notato una cosa stramba e divertente!
Eh si, c’éra un disco volante crashato nello yard.
Volevo essere polite e generosa, quindi ho knockato dolcemente sul disco volante!
Dal disco volante è apparso un alieno neurotico e un po’ geek, di nome Tzar.
Tzar-chicci ha detto che voleva andare da tutt’altra parte, anche se in fondo la Terra è magnifica e la raccomanderebbe a tutti i suoi amici sul chimi pianeta, Razzmandù.
Così machi ho detto che in fondo in fondo, possiamo già cominciare con le relazioni interplanetarie.
Tzar doveva tornare a Razzmandù per non rischiare di venire visto come un rinnegato!
A Razzmandù, infatti, non sanno ancora che esiste la Terra. Se Tzar rimanesse qui a Samarcanda, verrebbe dato per morto nel chimi pianeta, e rimpiazzato con un clone. Ma quando eventualmente i Pizar, la specie di Tzar, scopriranno la Terra, saprebbero che Tzar sia scappato, e lo esilierebbero in una prigione.
Le prigioni su Razzmandù non sono come quelle della Terra, sono delle prigioni virtuali, dove i criminali vengono uploadati e diventano dei file. A volte questi file vengono copiati e trasferiti all’interno di programmi e videogiochi.
Si, questo vuol dire che copie di certi criminali davvero appaiono letteralmente come personaggi, non programmati, bensì semi-viventi, con un’anima dentro.
Machichimi abbiamo aggiustato l’astronave insieme, e chimi sé né andato, ma ha abbracciato machi e ha dato machi una specie di strano ciondolo.
Sono tornata subito a letto, e il giorno dopo ho raccontato tutto a Buru-Tao.
Il mio terzo giorno a Samarcanda, la machi missione era quella di scoprire come funzionava il ciondolo.
Giochicchiando con il ciondolo, machi sono teletrasportata indietro nel tempo, nell’800 BC, agli albori di Samarcanda!
Samarcanda non è sempre stata abitata da Uzbeki, bensì è stata costruita dai Sogdiani, una sub-etnia di Sciti. Gli Sciti erano persone di origine est europea, però ancora a quel tempo parlavano lingue iraniche. Infatti la lingua persiana arrivò in Iran proprio da Samarcanda e dintorni. Ancora oggi, i Tagiki d’Uzbekistan – Sogdiani parlanti la lingua persiana – compongono metà della popolazione di Samarcanda.
Ho usato il ciondolo una seconda volta, e sono arrivata nel 4000 BC, prima che gli Sciti arrivassero in Asia Centrale dall’Est Europa. A quel tempo, era abitata da una razza e cultura proto-centro-asiatica, simile al fenotipo uzbeko e alla cultura uzbeka prima di persianizzarsi. Di solito li chiamiamo i Botai. Eventualmente scoprii si chiamano davvero così. Nel 3000 BC, quando gli Sciti soppiantarono questa cultura preistorica, questi nativi centroasiatici vennero tutti dispiazzati nell’odierno Kyrgyzstan.
Fu solo molto dopo, nel Medioevo, che i centroasiatici dispiazzarono di nuovo gli Sciti via dall’Asia Centrale.
Infatti, se fosse per machi, tutta l’Asia Centrale dovrebbe essere unita e avere Samarcanda come capitale! Ma ovviamente, il mondo non è perfetto! Kupo rupo…
Ho usato di nuovo il ciondolo, e sono arrivata nel 1400, durante il tempo dell’Impero Timuride.
L’Impero Timuride è l’impero da dove deriviamo machimachi Uzbeki. Si dice che tutti gli Uzbeki discendono da Tamerlano, fondatore dell’Impero Timuride.
Eventualmente ho usato un’altra volta il ciondolo, e sono arrivata nel 5000! Un secolo molto amato dal Doctor Who!
Arrivata nel 5000, in una Samarcanda iperfuturistica ma stranamente familiare, un tipo un po’ punk vestito dai colori sgargianti, ha usato una specie di penna laser sonica per prestare vita alla machi Uzbebe, dicendo che più in là ne avrei avuto bisogno. Si chiama L33t D3m0nz, è ribelle ma generoso, e ha un canale N30Tub3 con miliardi di iscritti da tutti i pianeti. Mi ci sono iscritta anch’io! Infatti L33t è chimi stesso un ibrido. L33t ha tre papà, due mamme, e due genitori nonbinari. I papà di L33t sono Sw4rd, M1ts@k1, e §0l3r. Sw4rd è un umano, M1ts@ki un pizar, §0l3r una terza specie aliena chiamata wetsoa. Le mamme di L33t sono HeM]v4A e .:W~Z~X:.. HeM]v4A è una specie aliena chiamata verdigris, mentre .:W~Z~X:. è una specie aliena chiamata eriss. I genitori nonbinari di L33t sono u.wu-– e °3°k#. u.wu-– è una specie aliena chiamata niruvet, mentre °3°k# è una specie aliena chiamata vedir.
A dire il vero anche machi, come tutti gli Uzbeki, sono un ibrido. Un quarto delle machi genetiche provengono dai Botai, un quarto dai Sogdiani, e metà dai Turchici, che arrivarono dai monti Altai all’inizio del Medioevo, e che sono in realtà anche loro strettamente imparentati coi Botai.
Basicamente nel 8000 BC apparentemente c’era il primo khanato, chiamato il Khanato Altaico, e gli altaici poi si dividero in diverse fazioni e famiglie linguistiche. Questi erano: i Botai, i Turchici, i Mongoli, i Tungusici, i Coreani, e i Giapponesi. Si, la Manciuria, Corea, e Giappone fanno pure parte del Greater Turan ma la Cina li ha sinizzati perché questi ultimi non sono riusciti a scoprire la pozione di lunga vita, ma questo è perché un giorno in realtà la scoprirò machi e dopo aver unito l’Asia Centrale, riporterò in vita il Greater Turan (fufufufu)
I Turchici avendo soppiantato i Botai (anche se turchici e botai sono quasi la stessa cosa geneticamente e culturalmente) eventualmente attaccarono anche la Persia, l’Anatolia, e l’Europa Orientale, è per questo che in Anatolia si parla il Turco, in realtà si ci dovrebbe parlare l’Ittita.
Stessa cosa con le lingue iraniche, in realtà provengono dal sud della Russia e poi hanno attaccato l’Asia Centrale, la Persia, e parti del Sud Asia.

Quindi eventualmente in Sogdia si parlava la lingua che divenne il Persiano, che poi venne soppiantata dal proto-Scita,
Quindi a Samarcanda, il persiano predata perfino il sogdiano.

Comunque, dopo aver incontrato L33t-chicci, machi ed Uzbebe andammo nell’anno 8000 BC a vedere il Khanato Altaico.
Poi nel 8274 a mangiare delle buonissime patatine con la curcuma!
E infine tornammo nel machichimi periodo, il 2013, dove ho raccontato tutto a Buru-tao.

Uzbebe: Era tutto così bello, uzb uzb!
Atkara: Siamo andate in tanti periodi e abbiamo scoperto che i Botai si chiamavano davvero così e che il Khanato Altaico esisteva davvero, abbiamo perfino mangiato le patatine con la curcuma!
Buru-tao: OK ragazze, per la prossima missione daodao dovete confrontarvi con un clan di vampiri moldavi, il Mahatchu Clan!
Atkara: Lo faremo!
Uzbebe: Dattebayo!

Alolissimo Pomel di Orel Lucentel! Sono ancora machi, Atkara Tilnova, e questo è il mio quarto giorno a Samarcanda, come parte dell’OGA.
Gli altri membri dell’OGA sono l’intern Scherzo Mythral e il leader e fondatore, Tamil Bustamante-Rustaveli.
Con machi mi porto appresso il mio pupazzetto vivente, Uzbebe Hart.
Oggi, machi e Uzbebe stiamo andando a lottare contro il Mahatchu Clan, un clan di vampiri moldavi.
Abbiamo preso uno scooter OGA e si ciamo diretti contro il Castello Tetro, il covo del Mahatchu Clan.
La porta era chiusa, e quindi ci siamo arrampicate e siamo entrate dalla finestra.
Ho subito avvistato ‘V.v-v.V’, il leader del Mahatchu Clan.
Ho preso la mia spada laser OGA e ho sconfitto ‘V.v-v.V’, che si è trasformato subito in un pipistrello ed è volato via, e il sole è subito di nuovo risorto.
Ho girato gli occhi e ho notato che la piccola Uzbebe era di nuovo solo un peluche. Che fortuna!
Ho preso di nuovo Uzbebe e siamo andate di nuovo alla sede dell’OGA dove ho raccontato tutto a Buru-Tao.
Il mio quinto giorno a Samarcanda, dovevo imbattermi con degli demoni! Esatto, demoni.
Tre demoni di nome Sakartcupo, Eshkezar, e Phairdos.
Li ho trovati a vendere pipistrelli infernali nella piazza del Registan.
Mi sono avvicinata a Sakartcupo, che si trovava di fronte alla Madrasa Tilya Kori!
Atkara: Alolissimo Pomel di Orel Lucentel, signor demone!
Sakartcupo: Fu fu fu! Fo fi fo! Mi chiamo Sakartcupo!
Atkara: Ok, Sakartcupo, cosa pensi di fare con questi pipistrelli?
Sakartcupo: Io e gli scagnozzi li stiamo vendendo alle persone per conquistare l’Uzbekistan, che verrà rinominato Sakartcupostan! Fo fo fo! Fe fu fe!
Atkara: Ok e te lo sai perché i Sumeri si chiamavano così?
Sakartcupo: Perché un giorno, millanta anni fa, fuffumu chiesi ad Arabo, il fondatore degli Arabi, chi viveva su. Su, dai Sumeri, che ancora non avevano un nome, ci viveva una simpatica signora che dava sempre del pane gratis ad Arabo. Questa signora, si chiamava Meri. Quindi, Arabo disse: “Su, Meri!” nel senso che su, viveva Meri. E da quel giorno, si chiamarono Sumeri.
Atkara: Ok e mentre hai raccontato questa tenera barzelletta, machi ho teletrasportato i pipistrelli infernali 10239 trillioni di anni nel passato usando la mia macchina del tempo!
Sakartcupo: Oh no! Tutto il frutto del mio lavoro! Ho deciso, mi unirò a chishi!
E da quel giorno, Sakartcupo divenne uno dei miei più grandi amici. Quella sera, invece di tornare nell’inferno insieme ad Eshkhezar e Phairdos, alloggiò con me nella sede OGA.
Il giorno dopo, ovvero il mio sesto giorno a Samarcanda, a machichimi due si unirono 25:§0~ 12\15#°, una ragazza Tagika (I Tagiki di Samarcanda erano originalmente i Sogdiani ovvero un gruppo di Sciti che si sono trasferiti dall’odierna Russia del Sud in Asia Centrale e che eventualmente si sono persianizzati, quindi 25:§0~ non è un robot, è anche lei di origini est europee e gran parte dell’est europa dovrebbe parlare lingue iraniche, ma la mia preferenza in nomi non è basata sulle lingue slaviche né su quelle iraniche, ma bensì su nomi molto astrusi e non terrestri, anche in cose fatte da altri, perché io sono troppo originale e perché in fondo non ho una nazione preferita – quella del Caucaso era solo una piccola fase un po’ per distrarmi – e tutta la terra è in fondo uno shithole.) e ¶°+°⁋ (°#°)/, un ragazzo Russo.

scena 1

Atkara, Sakartcupo, e Mella stanno giocando ad un videogioco di go kart cartoonesco in una stanza della Madrassa Tilya Kori.

sakartcupo

Fu fu fu! Prendete questo!

mella

Non vale!

atkara

Già! Stai usando i tuoi poteri da demone!

sakartcupo

Guarda che questo videogioco io l’ho creato coi miei poteri da demone!

mella

Infatti, tra lo Zio Inca e lo Zio Otto…

atkara

Nasce fuori un botto!

Ad un certo punto, Tavo entra in scena e si siede accanto a Mella!

tavo

Alolissimo Pomel, Mella! Scusatevi se sono arrivato in ritardo!

mella

Alolissimo Pomel di Orel Lucentel anche a te, Tavo!

scena 1

Siamo nella Libreria fra Universi. Stiamo vedendo Azyrmaxullaphale sistemare alcuni dei libri che contengono universi.

azyrmaxullaphale

Alolissimo Pomel di Orel Lucentel, amici lettori! Benvenuti nella libreria fra universi! Io sono Azyrmaxullaphale, il dio eldritch. Ognuna pagina di questi libri contiene un universo diverso.

Azyrmaxullaphale vede una pagina di un libro luccicare. Lo butta a terra, e lo apre.

Azyrmaxullaphale crea due dee. Fioranagh e Kenyalulino.

fioranagh

Io sono la dea Fioranagh.

kenyalulino

Io sono la dea Kenyalulino.

AZYRMAXULLAPHALE

Vi ho create per entrare e governare questo nuovo universo.

fioranagh

Lo faremo!

Fioranagh e Kenyalulino entrano dentro il nuovo universo.

scena 2

Fioranagh e Kenyalulino vanno in giro per il nuovo universo. Eventualmente si inbattono in un pianetino, quasi tutto ricoperto di acqua, tranne per una piccola isola color arcobaleno a forma di ciambella.

fioranagh

Guarda! Che bel pianeta!

kenyalulino

Sembra essere perfetto per noi!

fioranagh

Atterriamoci!

scena 3

Fioranagh e Kenyalulino atterrano sul nuovo pianeta.

FIORANAGH

Oh, eccoci arrivate!

kenyalulino

Che bel pianeta!

FIORANAGH

Un mondo molto piccolo, fatto giusto per noi.

kenyalulino

Chiamiamolo Xyronia!

FIORANAGH

Oppure Valere!

kenyalulino

Che ne dici di Soligo?

FIORANAGH

Forse no, aspetta, Gybray?

Ad un certo punto, dal lago al centro dell’isola, sbuca fuori un demone, Sakartcupo!

sakartcupo

Alolissimo Pomel, ragazze bellel! Io sono Sakartcupo, il demone! Vi sconfiggerò!

FIORANAGH

No! Saremo noi a farti diventare buono!

kenyalulino

Aspetta e vedrai!

Fioranagh e Kenyalulino lottano contro Sakartcupo. Fioranagh e Kenyalulino vincono.

sakartcupo

Ok. Vi darò questo pianeta.